CON LANDINI E IL SUO CARICATORE FRONTALE HAI UNA MARCIA IN PIU’

Tutta la potenza di McCormick al servizio della sostenibilità
18 Aprile 2024
Tutta la potenza di McCormick al servizio della sostenibilità
22 Aprile 2024

Indice dei contenuti:

  1. Uno strumento essenziale
  2. I caricatori frontali Landini: capaci di sorprendere
  3. Gli attrezzi terminali per una multifunzionalità massima

Uno strumento essenziale

Il caricatore frontale è probabilmente il più importante accessorio che si possa montare su un trattore, in modo da sfruttarne a pieno tutta la versatilità. Nel tempo il progresso tecnico ha fatto sì che il caricatore frontale evolvesse nella sua struttura e nelle funzioni, migliorando in particolare l’automatismo e la sicurezza nella gestione dei carichi. Una di queste, particolarmente utile e studiata nel dettaglio, è il parallelismo nelle fasi di sollevamento e di discesa. Grazie al caricatore frontale, il trattore si trasforma in un vero e proprio mezzo per la movimentazione di materiali sfusi e confezionati, particolarmente utile per le aziende agricole e per specifiche filiere produttive, come quella foraggera. Quando si sceglie e si monta un caricatore frontale, un corretto, sicuro ed efficiente fissaggio al corpo macchina è indispensabile. Infatti, l’accessorio deve costantemente sopportare il proprio peso (una struttura imponente e massiccia), gli attrezzi terminali collegati ed i carichi da movimentare.   Per questo motivo, Landini li progetta nel dettaglio.

I caricatori frontali Landini: capaci di sorprendere

I nuovi caricatori Landini sono stati ampliati a 6 serie (con interassi di larghezza da 1000mm, 1100mm e 1200mm), in grado perciò di coprire tutta la gamma dei trattori, dai 47 CV del Mistral2 ai 240 CV del Serie 7, passando per i modelli cingolati Trekker4. Questa perfetta compatibilità rende i caricatori Landini degli eccellenti partner di lavoro sia in ambito agricolo e forestale, sia per la municipalità (manutenzione del verde e servizio spazzaneve). Scegliendo i caricatori frontali Landini i vantaggi sono molteplici:

  • ottimo autolivellamento (meccanico o idraulico) della benna (meno fatica e meno stress per l’operatore)
  • maggiore capacità di carico
  • eccellente estensione in altezza

Un’ampia gamma di accessori è poi disponibile per soddisfare le diverse esigenze della clientela: linee idrauliche aggiuntive – sistemi rapidi di sgancio delle connessioni idrauliche lato posto di guida e lato attrezzo terminale. Un raffinato sistema, registrabile, di sospensione del carico realizzato con un cilindro precaricato con gas azoto. Anche l’aspetto estetico non è lasciato al caso: la verniciatura Blue Icon, infatti, è di altissimo livello e non si rovina a causa di intemperie, né si usura in campo. Inoltre, per chi non ha acquistato il caricatore insieme al trattore, ma desideri farlo in un momento successivo, l’imballo e la spedizione sono curati con grande attenzione. Infine, Landini offre un’ampia gamma di attrezzi terminali per i caricatori come: benne leggere, multi-materiale e da terra; pinze per rotoballe e tronchi; forche per letame, per rotoballe e per pallet.

 

Gli attrezzi terminali per una multifunzionalità massima

Diversi accessori assicurano il collegamento con diversi tipi di attacco degli attrezzi terminali, permettendo anche upgrade successivi all’acquisto del caricatore. Tra i vari attrezzi con i quali completare il caricatore, la benna è forse il più popolare. Viene costruita con un tipo di acciaio particolarmente resistente che, abbinato alla sua robustezza e conformazione specifica, la rendono uno strumento indistruttibile. Un focus importante parlando della benna è quello sul “tagliente”, ovvero il bordo inferiore, che deve essere sempre oggetto di una precisa manutenzione e gestione per resistere all’usura. Il tagliente è costruito con un materiale alto resistente specifico per carico e scarico di prodotti sfusi, oppure può essere provvisto di denti ripper per lavori di scavo e livellamento Altri terminali importanti sono i cosiddetti “dispositivi di presa” studiati per caricare, afferrare e mantenere saldi nel trasporto materiali sia sfusi, sia confezionati. Gli esempi più celebri sono le benne con mordente, forca o pinza, le forche con trattenitore, le taglierine per sezionare le balle di insilato e le benne dotate di trattenitori, per materiali ingombranti. Grazie alle proposte Landini e al puntuale supporto per la manutenzione e la gestione, potrete scegliere il caricatore frontale e i relativi attrezzi terminali più adatti alle vostre esigenze.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi